Vita Postuma

VITA POSTUMA
La band nascimage004e da una formazione precedente formata da Elio Caredda (batteria), Riccardo Malatesta (basso) e Franco Tasselli (chitarra solista) denominata HORROR DREAM, con l’inserimento di Riccardo Bruni all’organo nell’estate del 1970. L’esordio avviene in uno dei vari concorsi per complessi molto frequenti in quegli anni; il gruppo si classifica ai primi posti e viene chiamato per un provino alla Fonit Cetra, ma il rock eseguito dalla band non interessa ai discografici della società.
Il repertorio intanto si orienta all’esecuzione di cover dei gruppi rock emergenti dell’epoca: Deep Purple, Led Zeppelin, The Who, Uriah Heep, etc. che vengono proposte durante il primo assoluto concerto rock svoltosi alla Spezia, del quale il gruppo si fa promotore, con la nuova denominazione VITA POSTUMA. Il concerto si tiene nella Sala Dante alla Spezia il 30 ottobre 1971 e vi partecipano oltre ai Vita Postuma, i gruppi Il Sogno di Satana e La Pubblica Assistenza.
Nel corso del 1971 Franco Tasselli lascia il gruppo e subentra alla chitarra solista Alberto Borrini, da questo momento in poi la band abbandona l’esecuzione di cover e produce brani originali di impronta e atmosfere dark e gotiche, quasi un’anteprima di certo metal odierno. Nel 1972 la band, con due brani originali: Homunculus e John Haigh’s Dream) viene selezionata per partecipare a uno dei più grossi eventi rock italiani di quegli anni: il 2° Festival della musica d’Avanguardia e Nuove Tendenze, svoltosi nel Foro Italico a Roma dal 1 al 4 giugno, al quale intervengono i più importanti gruppi pop e rock italiani dell’epoca (Delirium, New Trolls, Banco del Mutuo Soccorso, Osanna, Nuova Idea, Circus 2000, etc).
Con la fuoriuscita di Alberto Borrini, i V.P. restano in tre elementi, producendo materiale di genere rock-sinfonico solo strumentale, con l’uso di organo, synt e pianoforte, oltre che batteria , basso e chitarra, proposto in due concerti nel 1973 e nel 1974. Nello stesso anno si aggiunge al gruppo come flautista Ettore Giorgi (purtroppo prematuramente scomparso) polistrumentista di grande esperienza con il quale la ricerca musicale si indirizza verso un rock di stampo tipicamente prog, più completo e raffinato. L’esperienza con Ettore Giorgi termina dopo poco e con l’ultimo concerto il 16 aprile 1975 nella Sala Dante della Spezia, si chiude il ciclo del gruppo, esattamente nello stesso luogo dell’esordio.

Le formazioni
1970 – 1971  Elio Caredda – Drums, Riccardo Malatesta – Bass, Riccardo Bruni – Organ, Keyboards,, Franco Tasselli – Guitar
1971- 1973  Elio Caredda – Drums, Riccardo Malatesta – Bass, Riccardo Bruni – Organ, Keyboards, Alberto Borrini – Guitar
1973 – 1974 Elio Caredda – Drums, Riccardo Malatesta – Bass, Riccardo Bruni – Organ, Keyboards
1974 – 1975 Elio Caredda – Drums, Riccardo Malatesta – Bass, Riccardo Bruni – Organ, Keyboards, Ettore Giorgi – Flute
Si ricordano inoltre gli interventi e la collaborazione in alcune occasioni di: Vincenzo Cannavacciuolo (batteria), Leonardo Bruni (chitarra), Enrico Botti (batteria, flauto).

Il materiale è stato fornito da Bruni Riccardo – 2014

http://digilander.libero.it/vitapostuma/

 

I Commenti sono chiusi

Musicisti
Gruppi
Periodi