Bini, Rita

Rita Bini Devoto (1910-2000) è stata una soprano, nata alla Spezia nel giorno di Natale del 1910 al quarto piano della casa di Piazza Cavour, n.1. Leggendo qualche passo del suo diario si evince quanto la musica sia stata importante sin dalla sua più tenera età: «..a cinque anni decisero di togliermi le tonsille e finalmente potevo cantare e forse fu l’inizio del mio destino canoro… cantavo a gola spiegata “Son tornate a fiorire le rose” da sola o assieme alla mamma, che era il mio modello… Non so come si imparassero le canzoni che via, via erano di moda, senza l’aiuto della radio, dei dischi e dei festival! Ma le imparavo lo stesso!…» «Nel 1917 la nostra casa ospitò una famiglia veneta di profughi…tra i cui, una soprano con il marito tenore che cantavano molto bene le operette e partecipavano alle nostre serate musicali. Il nostro pubblico applaudiva dalla piazza sottostante (niente rumori di auto e di radio).»

Il racconto continua: «…quella del 15-18 fu la mia prima guerra… un po’ di conforto si trovava nelle canzoni patriottiche e quando era possibile in qualche serata di musica e di canto con amici di papà… Ricordo bene: Aldo Tabarrani, pianista, violinista, seguiva gli studi di pianoforte di mia sorella Maria, accompagnava mamma o altri cantanti amici..; Imerio Ferrari, ufficiale di Marina anche lui, stupenda voce di baritono..; proprio a Spezia aveva trovato un’ottima insegnante di canto, Marcellina Werner che divenne poi la mia insegnante, quando avevo tredici anni». Da questo momento, colei che diventerà soprano e canterà in più lingue un vasto e spesso inedito repertorio, continuerà con tenacia i suoi studi di musica, conseguendo anche il diploma magistrale. Dedicandosi soprattutto alla musica da camera, tiene concerti in molte città d’Italia e per la RAI. In seguito, titolare della cattedra di canto al Conservatorio di Lucca, porta con i Musici Lucenses lo Stabat mater di Boccherini in Francia e in Spagna. Nel 1957, è titolare della cattedra di canto del Conservatorio di Parma A. Boito. Nel 1960 è socia fondatrice e presidente del Soroptimist della Spezia, nel 1977 è, invece, madrina del Soroptimist di Lucca. Si adopera insieme al marito Silvio Bini, professore di viola, per la fondazione nel 1984 del Conservatorio della Spezia. Tra i suoi ricordi, un ritratto con dedica autografa di A. Toscanini del 30-12-1952 e una fotografia la ritrae all’Unione Fraterna il 21 novembre 1930, in occasione del primo concerto della sua vita.

_____________________________________________________

Per richiedere l’accesso alla documentazione completa o agli ascolti, consultare la pagina Dove siamo.

PAGINE DI PROVA – SITO IN COSTRUZIONE

Lascia un Commento

Devi aver fatto il login per inviare un commento

Musicisti
Gruppi
Periodi